Camera e Senato vanno in vacanza: dopo il rush finale per il decreto Dignità a Palazzo Madama, mentre a Montecitorio si discute del riordino dei ministeri, il Parlamento chiude i battenti per poco più di un mese: la riapertura è fissata all’11 settembre. Sono 24 giorni di ferie, se si escludono i fine settimana, che diventano 34 totali. Meno dei 40 giorni di riposo che i due emicicli si erano concessi lo scorso anno. E comunque vacanze virtuose rispetto agli altri Parlamenti europei.

Il Bundestag della solerte Germania, per esempio, chiude per ferie dal 5 luglio al 10 settembre. La Camera dei comuni del Regno Unito invece dal 24 luglio al 4 settembre 2018. In Francia l’Assemblea nazionale lavora da ottobre a giugno, ma può essere convocata per sessioni straordinarie. L’ultima si è svolta dal primo luglio al primo agosto. In Spagna la pausa dei lavori riguarda luglio e agosto con la possibilità di convocare ad horas il Congresso per sedute straordinarie. L’ultima si è svolta il 27 luglio e per il momento non è stata ancora fissata la data di ripresa dei lavori.

Un mese di stop per il Parlamento quindi, dopo la maratona imposta dalla maggioranza per approvare alcuni decreti legge. Oltre al testo sul lavoro a firma di Luigi Di Maio, c’è per esempio il provvedimento Motovedette – che consegna ai libici 12 mezzi per la lotta contro l’immigrazione clandestina – approvato lunedì alla Camera. Rimane in sospeso il Milleproroghe, per cui bisognerà aspettare la riapertura di Montecitorio a settembre per il via libera definitivo, dopo il primo ok lunedì a palazzo Madama. E se si riposa il Parlamento, altrettanto non si può dire del Governo. A tenere banco per tutto agosto saranno i conti pubblici e le future scadenze: il 27 settembre infatti l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte dovrà consegnare la nota di aggiornamento Def (Documento di Economia e Finanza) e il quadro programmatico delle riforme, mentre la legge di Bilancio dovrà prendere vita entro metà ottobre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Camera rimanda il bando per assumere dipendenti dopo le critiche dei sindacati

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, Casellati: “Non ha senso tagliarli se poi arrivano i ricorsi. Interverremo anche al Senato ma prima valutazioni”

next