‘Ridiscutere il progetto’ comprende anche lo stop al progetto Tav? “Qualsiasi discussione, anche con la mia omologa francese, è preceduta dall’analisi costi benefici finanziaria e la valutazione tecnico-giuridiche di tutti gli atti esistenti. Io che ho la fortuna di rappresentare lo Stato devo dare risposte scientifiche. Quando parliamo di costi-benefici parliamo della pelle delle gente, di vita quotidiana, di contributi pagati dai cittadini. Io non voglio far spendere un euro in più ai cittadini. Se le opere sono sostenibili possono andare avanti. Questo è il Tav”. Così il ministro del Trasporti Danilo Toninelli, intercettato fuori dalla Camera dei Deputati.  “In 17 anni di opere ne hanno fatte il 15%, oltre le indagini la corruttela e le mangiatoie che hanno cancellato la legge obiettivo. Con Il M5s si fanno le analisi costi benefici: se le opere fanno bene alla gente e alla qualità della vita si fanno, altrimenti se possiamo le blocchiamo”. Analisi costi benefici, ma secondo Salvini l’opera deve andare avanti. Quale sarà il punto di caduta tra M5s e Lega? “Lasciamo le opinioni personali, il presupposto per prendere delle decisioni è vedere ed analizzare le carte”. Sui tempi, stime e penali con aziende coinvolte Toninelli non si sbilancia e sull’ipotesi lanciata dal presidente della Regione Piemonte Chiamparino, sostenuto da tutto il Pd, di un referendum sull’opera, Toninelli afferma: “Chiamparino deve avere pazienza – e cita il caso francese – la mia omologa, quando si è insediato Macron a giungo, nel febbraio successivo ha presentato l’analisi costi-benefici, io sono qua da 55 giorni, quindi al presidente del Piemonte, che è persona molto simpatica, chiedo di avere un po’ di pazienza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Decreto dignità è migliorato, altro che le inesattezze di Fassina

prev
Articolo Successivo

Legittima difesa, Franca Leosini: “Chi si ritrova ladro in casa ha diritto di sparare”

next