Presidio delle “mani rosse“, davanti al Viminale, per dire basta alle morti in mare. Lo scopo, per gli attivisti, è stato quello di “chiedere conto al ministro dell’Interno e al governo dell’operato della guardia costiera libica, supportata, da oltre un anno, da fondi, mezzi e uomini italiani”. I partecipanti hanno sfilato per le strade con le mani dipinte di rosso sollevate.
“Sono con queste persone come sono con chiunque protesti contro la barbarie cui rischia di cadere questo Paese”. Ha detto Vauro. “Il senso di questa iniziativa è che tante persone si dichiarano contrarie alle politiche di immigrazione di questo governo. Non siamo complici di questa strage di Stato, non siamo con questo governo, non siamo con Salvini“, ha detto una manifestante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo a Canosa, un uomo trascinato dall’acqua sotto un’auto. Il salvataggio di tre passanti in diretta

prev
Articolo Successivo

Roma, la Corte Europea per i diritti dell’uomo sospende sgombero del campo rom Camping River fino al 27 luglio

next