I due sovranisti in capo, i due leader della post-globalizzazione, i due fari di tutti i neo-nazionalismi, s’incontrano a Helsinki, in un contesto con reminiscenze vagamente sovietiche, e si confermano più alleati che rivali, alla faccia dei loro alleati, che Donald Trump scarica e che Vladimir Putin non ha: se non fosse per la gente in piazza, che denuncia i voltafaccia dell’americano su clima e liberismo e le violazioni del russo dei diritti umani, saremmo in un 1984 senza più speranza, dove Eurasia e Oceania hanno blindato gli interessi delle loro oligarchie in un patto saldato dall’illusione popolare.

In realtà, come rileva sul proprio sito l’Istituto affari internazionali, dell’incontro privato tra Trump e Putin poco trapela e, forse, poco resterà di concreto, alla prova dei fatti. Ma l’immagine servita alle opinioni pubbliche in conferenza stampa è quella di un rapporto basato sull’intreccio d’interessi politico-personali ed economico-energetici e sulla disponibilità a “mettersi d’accordo”, senza slanci d’idealismo a mettere i bastoni fra le ruote. Come invece faceva quel babbeo di Obama, che permetteva ai principi d’inquinare il pragmatismo, nota gongolando Trump.

Certo, restano contrasti irrisolti, o almeno contraddizioni irrisolte, la Siria con l’egemonia dell’Iran e le paure d’Israele; l’Ucraina, con le rigidità dell’Europa e le ansie dei “pretoriani” degli Usa baltici ed est-europei; la Cina di Xi riavvicinatasi alla Russia di Putin e capace di tenere testa all’America di Trump; gli armamenti, dove Donald fa il mercante di morte e Vladi non ha i mezzi per affrontare una corsa al riarmo; cioè, praticamente, l’intera agenda della politica internazionale, ad eccezione, forse, della Corea del Nord, dove “denuclearizzazione” e “de-escalation” vanno a tutti bene. Così come la guerra al terrorismo, che ti consente, tra l’altro, di eliminare i tuoi nemici senza che nessuno abbia troppo a ridire.

Ma non c’è problema. Basta dirne poco di concreto in pubblico, magari trincerandosi dietro frasi che suonerebbero “kennediane” se non fossero “trumpiane”: “Preferisco prendermi il rischio politico di perseguire la pace, piuttosto che mettere a rischio la pace per perseguire fini politici”. E mettere in piedi qua e là un “gruppo di lavoro”, che è come un’aspirina: non si nega mai a nessuno e non fa male.

Certo, il fastidio è che la stampa americana s’attacca solo al Russiagate e s’interessa solo di quello. E lì quei due dietro i loro podii diventano Gianni e Pinotto: è la terza volta che si vedono, la prima in un Vertice tutto loro, ed è la terza volta che ripetono la stessa sceneggiata. “Vladi, ti sei ingerito nelle elezioni americane e mi hai favorito?”. “Assolutamente no, Donald”. “Grazie, ti credo. Sai, te lo chiedo solo perché quelli della mia Intelligence e chi indaga sostengono il contrario. Ma io so che è tutta una ‘caccia alle streghe’, una ‘fake news’”.

E, comunque, lui non c’entra: è tutta colpa di Barack Obama. Prima dell’incontro aveva già detto che i rapporti tra Mosca e Washington “non sono mai stati peggiori”, a causa “di anni di follie e stupidità americane e del Russiagate”. Vecchia tattica: se la vigilia affermi che le tue aspettative sono “basse” e che la situazione è disastrosa, tutto quello che esce è grasso che cola.

Che il nervo del Russiagate sia scoperto lo si capisce quando i giornalisti incalzano – “Presidente, lei di chi si fida di più, della sua Intelligence o di Putin?” – e Trump va fuori giri, mentre il russo dimostra di sapere usare l’arma dell’ironia: “In politica, meglio non fidarsi di nessuno: ciascuno persegue i suoi interessi”; anche se lui – ammicca -, vecchia volpe del Kgb, sa come si fabbricano certi dossier.

Fosse nel suo reality, Trump licenzierebbe tutti quei giornalisti e assumerebbe quel russo “smart”. Che lo manda definitivamente “nel pallone” consegnandogli un pallone del Mondiale. Lui lo soppesa tra le mani sorpreso: è rotondo, non ovale, e non ha gli spicchi. La prossima volta, scommetteteci, inviterà Putin in un suo club e gli regalerà una pallina da golf: di quelle se n’intende.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Incontro Trump-Putin, giornalista Usa portato via a forza dalla sala: protestava per la politica nucleare

next
Articolo Successivo

Omicidio Politkovskaia, la Corte dei diritti umani condanna Russia: “Non ha svolto inchiesta efficace per scoprire mandanti”

next