Con Reagan boom del debito e concentrazione della ricchezza – In principio fu un tovagliolino di carta. Leggenda vuole che Ronald Reagan negli anni Ottanta varò il suo storico taglio delle tasse (l’aliquota più alta passò dal 70 al 28%) fidandosi della teoria di un giovane docente di economia, Arthur Laffer. Che qualche anno prima, a cena con i repubblicani Donald Rumsfeld e Dick Cheney, aveva disegnato su un tovagliolino del ristorante Two continents una curva in base alla quale il gettito fiscale oltre un certo livello di imposizione anziché crescere tende a diminuire. Ergo, in teoria ridurre l’imposizione fa crescere gli introiti dello Stato. “Nella pratica, però, è accaduto il contrario”, ricorda Luca Fantacci, docente di storia economica in Bocconi. “Con spese sostanzialmente inalterate, la riduzione delle aliquote ha portato a un aumento del debito pubblico dal 32% del pil del secondo dopoguerra al 50%”. Questo nonostante la crescita del prodotto interno lordo degli Usa, a cui comunque contribuì in modo decisivo la rivoluzione informatica del personal computer di massa. Quanto alle conseguenze sul piano delle disuguaglianze, “la ricchezza detenuta dall’1% più ricco della popolazione, che era diminuita da oltre il 35% a poco più del 20% nel corso degli anni Settanta, ritornò sopra il 35% sotto la presidenza Reagan.

INDIETRO

Flat tax, ‘senza coperture pochi effetti su investimenti e consumi’. I precedenti dagli Usa di Reagan alla Russia di Putin

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di inclusione, si amplia la platea: via i requisiti familiari. Inps: “Lo avranno 700mila nuclei, ancora pochi”

next
Articolo Successivo

Migranti, Def: “Costi per l’Italia verso i 5 miliardi l’anno. Nel lungo periodo gli immigrati regolari riducono il debito/pil”

next