Qualche momento di confusione ha preceduto l’intervento del premier Giuseppe Conte, alla Camera per il voto di fiducia, che non trovava i suoi appunti. In suo soccorso è intervenuto il suo vice, Luigi Di Maio, accanto a lui: “Vai, dai, comincia a parlare – lo ha esortato – te li cerco io, hai il microfono aperto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini in Sicilia, se il ministro dell’Interno non trova tempo per parlare di mafia

next
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Codice degli appalti va semplificato, oggi è complicato e illeggibile”

next