Il governo realizzerà dei Centri per i rimpatri “chiusi affinché la gente non vada a spasso per le città”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini ai cronisti in Transatlantico, sottolineando che “la gente non vuole avere dei punti dove uno esce alle 8 della mattina, rientra alle 10 la sera e durante il giorno non si sa cosa fa e fa casino”, ha detto il capo del Viminale riferendosi presumibilmente ai migranti.

A quale “gente” si riferisce il ministro? Vanno realizzati Centri per i rimpatri “che permettano di espellere chi va espulso” e su questo “tutti gli amministratori della Lega non chiedono altro”. Centri “chiusi“, dunque, “che servono per ospitare momentaneamente chi deve tornare a casa sua”. Ma non sono prigioni a cielo aperto? “Sono dei Centri per i rimpatri – ha risposto Salvini – e se qualcuno è trovato in possesso di documenti falsi o senza documenti, prima di espellerlo dobbiamo capire chi è e da dove viene”.

Centri di questo tipo – destinati non ai richiedenti asilo, ma agli irregolari destinatari di provvedimento di espulsione – sono già previsti dal decreto Minniti dell’aprile 2017: non si chiamano più Cie (Centri di identificazione e di espulsione) ma Cpr, “Centri di permanenza per il rimpatrio“, secondo il provvedimento voluto dall’ex capo del Viminale doveva essercene uno in ogni Regione da 150 posti al massimo ma fino a oggi quelli aperti sono solo 6 (Torino, Roma, Bari, Brindisi, Caltanissetta e Potenza) per poche centinaia di posti rispetto ai complessivi 1.600 previsti a regime. Altre strutture sono state individuate (da Iglesias a Bologna, a Santa Maria Capua Vetere), ma non avviate. Quindi un’ipotesi è che l’obiettivo del nuovo ministro possa essere aprire le restanti 14 strutture. Il problema a cui Salvini si trova di fronte è l’opposizione di molti governatori e di molti sindaci. “Ho parlato con tutti i governatori leghisti – specifica il ministro – e non vedono l’ora di avere centri per i rimpatri chiusi”.

Salvini vorrebbe, inoltre, modificare le procedure: “Due o tre mesi non sono sufficienti” per identificare i migranti trattenuti nei Centri per i rimpatri che devono essere espulsi e, dunque, “serve più tempo”, ha risposto il ministro a chi gli chiedeva se il governo intende riportare a 18 mesi il tempo di permanenza nei Centri. “E’ chiaro ed evidente – ha aggiunto – che ci sono dei paesi africani con grossi problemi anagrafici”. Il problema è che per rimandare a casa gli irregolari e superare i poco più di 6mila i rimpatri in media ogni anno servono accordi con i Paesi di provenienza: l’Italia ne ha siglati solo con Tunisia, Egitto, Nigeria, Sudan e Gambia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Conte si consulta con Di Maio prima del discorso. Salvini richiamato da Fico: “Si sieda tra i banchi dell’esecutivo”

prev
Articolo Successivo

Tasse, cosa dovrebbe rispondere la sinistra a Salvini per marcare la distanza

next