Young Signorino, si sa, è uno che fa discutere. Al punto che ormai anche chi non è più ragazzino e non fa quindi parte del pubblico di riferimento del rapper 19enne ha imparato a conoscerlo. Stavolta a parlare di lui è l’assessore regionale veneto all’istruzione, Elena Donazzan (FI), che chiede al comune di Bassano di revocare il patrocinio concesso a un evento dove Young dovrà esibirsi. “Quando una amministrazione pubblica concede un patrocinio – ha detto Donazzan al Giornale di Vicenza – significa che condivide e sostiene i contenuti ed il messaggio di una data iniziativa: per questo chiedo al Comune di Bassano di revocare il patrocinio all’Ama Music Festival, in procinto di ospitare Young Signorino con il suo singolo Dolce droga”. Donazzan ha poi parlato della vita del rapper, “già padre e già ricoverato più volte in clinica psichiatrica, ha rischiato la morte per overdose di psicofarmaci: risvegliatosi dal coma ha dichiarato che Satana è il suo vero padre”. Insomma, secondo Donazzan se Young si esibisce addio patrocinio. Non si tratta della prima polemica che coinvolge il rapper autore del tormentone Mmh ha ha ha, e anzi, probabilmente Young deve parte del suo successo proprio a critiche come questa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sense8, il cast della serie si prepara a dire addio dopo l’ultima stagione: la festa a Napoli

next
Articolo Successivo

Demoni, le offese razziste a Balotelli, la grande depressione di Buffon e l’arrivo da migrante di Coulibaly: storie di calciatori, non come te le aspetti

next