Astensione per far partire governo Cottarelli e poi tornare al voto? Cottarelli non è una soluzione, per M5s governo politico o voto“. Così il deputato M5s Alfonso Bonafede respinge l’ipotesi di lasciare partire l’esecutivo tecnico, pur senza dare un voto positivo di fiducia, dopo le parole con cui la Lega spiegava di “non voler ostacolare soluzioni d’emergenza”.
“Non vedo alcuna ragione per dover legittimare un governo che non ha alcun consenso, né popolare né delle Camere”, ha aggiunto Manlio Di Stefano.
Resta però il nodo Savona, nel caso si riaprisse la trattativa per un governo politico gialloverde, uno scenario al momento comunque allontanato dalla Lega: “Con Savona o meno? Non posso anticipare questi dettagli”, ha tagliato corto Bonafede. Tutto mentre, dalla Lega, Roberto Calderoli preferisce ironizzare sul voto a Cottarelli: “Come voteremo? Non vedo nessun governo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Lega non ostacolerà “soluzioni d’emergenza”. Di Maio: “Non sfiducia tecnica? Da prima Repubblica”

next