Dopo le esibizioni in Senato e in Vaticano del 2016, il Coro Papageno, diretto dal Maestro Michele Napolitano, si è presentato al pubblico ancora più numeroso e con un repertorio internazionale e trasversale che comprende due nuovi brani: Siyahamba (canto tradizionale africano) e Venendo giù dai monti (canto tradizionale bolognese). Un viaggio tra sacro e profano, colto e popolare che dalla monodia medievale al Rinascimento arriva, passando per Mozart e l’Ottocento, alle sonorità dei canti tradizionali e al repertorio afroamericano.

“Assistere al concerto è sempre un’occasione unica per ascoltare dal vivo le voci del Coro Papageno – ricorda Alessandra Abbado, presidente di Mozart14 -, un momento emozionante poiché si possono toccare con mano l’impegno, la passione e la determinazione dei coristi, detenuti e volontari, che portano avanti questo progetto voluto da Claudio Abbado nel 2011. Per loro è un momento importante” continua la Abbado “durante il quale dimostrare il percorso umano ed artistico compiuto lungo il corso dell’anno, un momento in cui dimenticare e far dimenticare la propria condizione di detenuti per essere “solo” uomini e donne che fanno musica insieme”.

A rendere ancora più toccante l’esperienza è stata la presenza di un vasto pubblico, quest’anno sono state superate le cento unità nella Chiesa Nuova della Casa Circondariale, tra cui anche familiari e amici dei detenuti coristi.

“Portare avanti le attività del Coro Papageno è un impegno di cui l’Associazione Mozart14 si è fatta carico con gioia e convinzione, grazie anche alla costante collaborazione delle Istituzioni coinvolte, della Direttrice Claudia Clementi e di tutti gli agenti della polizia penitenziaria.” continua Alessandra Abbado “È un impegno che però comporta sforzi e fatiche nella continua ricerca del sostegno economico necessario”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Loris Karius, il portiere del Liverpool e la vita ‘da copertina’: amico di Justin Bieber, fidanzato con una super modella

next
Articolo Successivo

Loredana Lecciso torna a parlare di Al Bano sui social e a commento di una foto scrive: “Amore puro”

next