Meno di un mese ci separa dall’inizio del Campionato mondiale di Calcio 2018, che si svolgerà dal 14 giugno al 15 luglio in Russia. E Mediaset scalda i motori perché, come ampiamente noto, per la prima volta nella storia è stata l’azienda del Biscione ad aggiudicarsi i diritti: Canale 5 e Italia 1 si alterneranno nella trasmissione delle partite, ma non mancheranno i programmi di commento (più o meno serioso) e contorno alle dispute sul manto verde.

Al momento, perlomeno sui giornali, regna però la confusione: quali saranno i volti dei Mondiali di Mediaset? Non è dato sapere. L’unica certezza è lo spazio di seconda serata affidato a Nicola Savino e alla Gialappa’s Band, come ufficializzato dal conduttore nella puntata di ieri di Vuoi Scommettere?. Il connubio era già stato vincente a Quelli che il calcio e ora non potrà fallire, ma stavolta non saranno soli. Al loro fianco ci sarà una presenza femminile ancora misteriosa. I rumors della prima ora volevano Belen Rodriguez, ma poi le voci si erano concentrate su Alessia Marcuzzi. La conduttrice romana, come svelato settimanale Oggi, ha però deciso di rinunciare alle “notti mondiali” per far fronte ad altri impegni estivi, come il Summer Festival. E allora riecco che il nome della showgirl argentina ritorna prepotente in prima linea: ce la farà? D’altronde, si dice a Cologno, tutti vorrebbero avere la loro vetrina mondiale, perché gli ascolti saranno senz’altro bulgari e l’esposizione mediatica forte. I posti a disposizione, però, sono davvero pochi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

68 – Pop revolution, al via la serie che racconta il ’68 italiano attraverso filmati, animazioni, grafica e le testimonianze dei protagonisti

prev
Articolo Successivo

Elena Santarelli: “Il tumore di mio figlio Giacomo c’è e lo affrontiamo. Siamo positivi, le cose stanno andando come dovrebbero”

next