SOLO: A STAR WARS STORY di Ron Howard. Con Alden Ehrenreich, Woody Harrelson, Donald Glover. USA 2018. Durata: 135’. Voto 1,5/5 (AMP)

“Quant’è bella giovinezza..”. Senza proseguire la citazione, certamente Lorenzo il Magnifico sarebbe servito a Ron Howard per trovare la giusta quadra a comporre uno spin-off degno di Guerre Stellari. Da raccontare, in fondo, c’era la genesi di un mito, Han Solo, evocato fra la sua post adolescenza di 18enne e la gioventù dei 24 anni. Un personaggio d’irrequietezza e disobbedienza endogene, un eroe con qualche macchia e nessuna paura dal fascino irresistibile che – naturalmente – sarebbe poi diventato Harrison Ford. Doveva solo cucinare ingredienti gustosi già pronti. E invece il pur bravo Howard ha fallito, e con lui sceneggiatori e co: il Bildungsroman di Solo è un polpettone stellare senza anima, quasi un’astronave che procede inerme negli spazi siderali il cui destino è già noto.

Lo spettatore medio, forse, troverà simpatia in alcuni personaggi arrivati da un “altrove” altrettanto famoso (vedi Emilia Clarke prestata dal Trono di spade…), lo spettatore nostalgico andrà a  caccia di segnali e icone del Mito, ma quello attrezzato, per non parlare del vero e proprio fan di Star Wars, ne uscirà indignato. E non solo perché la bipolarità narrativo/drammaturgica (bene vs male) e il solito giochino delle spie e contro spie sono presentati ai minimi termini, ma soprattutto dal residuale carisma del povero Ehrenreich, bello senz’anima, mai lontanamente accostabile al “character” Harrison Ford. Non serve capire i motivi che hanno spinto Lucasfilm e la Disney a formulare il nuovo blockbuster dal franchise d’oro: incassare è il verbo, quanto al resto si perderà nell’oblio in un galassia lontana lontana…

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no. Da Mektoub my love: canto uno a Han Solo: a Star War Story

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinematti, una storia folle. Il nostro gruppo Facebook diventa un film

prev
Articolo Successivo

Thor, Star Wars e Twin Peaks. La dura legge del sequel

next