LA TERRA DI DIO di Francis Lee. Con Josh Connors, Alec Secareanu, Ian Hart. Gran Bretagna 2017. Voto 3/5 (DT)

Nella fattoria di famiglia, sperduta nel Nord dell’Inghilterra, l’irrequieto John lavora da mattina a sera tra mucche gravide, pecore malate, freddo e vento che entra nelle ossa. Tutto cambia quando a casa di padre e nonna arriva il bel tenebroso lavorante romeno. Pur prevista una sua temporanea permanenza, il nuovo arrivato partirà in “missione” con John verso un terreno lontano per seguire un gregge. Lì scatterà l’amore tra i due: prima animalesco e violento, successivamente romantico e ipnotico come fossero una coppia di fidanzati. Il problema sarà spiegarlo ai familiari di John e all’ambiente circostante non proprio avanzato in tema di diritti civili.

Dialoghi essenziali ridotti al minimo indispensabile, ambientazione esasperatamente realistica, per uno spazio abitato con ingobbita fatica dai protagonisti e dalla loro complicata espressione del sé in fatto di pulsione omosex. Macchina da presa sempre a ridosso dei due ragazzi. Luce il più possibile naturale. Attenzione cruda e per nulla mediata verso la vita/morte degli animali in scena. Azioni credibili degli attori desunte da una pratica veterinario/campagnola precedente al set. All’inizio parte in quarta e sembra Brokeback Mountain, poi da metà in avanti il film prende la sua strada un tantino rallentata quasi raffreddata in sembianze melò.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no. Da Mektoub my love: canto uno a Han Solo: a Star War Story

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinematti, una storia folle. Il nostro gruppo Facebook diventa un film

prev
Articolo Successivo

Thor, Star Wars e Twin Peaks. La dura legge del sequel

next