MONTPARNASSE: FEMMINILE SINGOLARE di Leonor Serraille. Con Laetitia Dosch, Souleymane Seye Ndiaye, Nathalie Richard. Francia 2017. Durata: 94’ Voto: 4/5 (DT)

Una ragazza sui trent’anni, ferita alla fronte, sbraita sul pianerottolo davanti alla porta di un appartamento, poi si accascia. Si risveglia in ospedale, racconta a un infermiere il momento difficile con l’amante più grande di lei, sembra comicamente un po’ fuori di testa. Agguanta borse, scatole, una gatta, e comincia a girare per la metropoli parigina alla ricerca di un lavoro, di un angolo dove dormire, di umanità. Se ce l’ha fatta fino a quel momento c’è da stare certi che riuscirà a farcela sempre e ovunque. Finissimo e vivace mosaico di accadimenti spontanei, casuali, imprevedibili, buffi, tremendi, in modalità tranche de vie urbana libera e libertaria, innervati addosso alla protagonista, graziosa nella sua svagatezza ma mai abbattuta da ostilità altrui o eventi negativi.

Andamento da montagne russe, accelerazioni e rallentamenti tra inquadrature e nel montaggio, per un ritratto di donna delicato e gentile, mai arenato sull’eccentricità della protagonista o ammiccante sul suo possibile fascino estetico, bensì attento a rendere cinematograficamente attraente quel suo ondeggiato e indefinibile collocarsi sociale e sessuale, lavorativo e psicologico, in mezzo alla giungla contemporanea. In originale risulta il più concreto ed esistenziale Jeune Femme, ma anche con un titolo farlocco è comunque una sorpresa che scalda il cuore. La Dosch è un monumento alla recitazione fluida e disinvolta. Las Vegas Tango di Gil Evans è un preziosissimo standard jazz che taglia e cuce il ritmo del racconto. La solita frase fatta: un film del genere in Italia non lo sappiamo fare.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no. Da Mektoub my love: canto uno a Han Solo: a Star War Story

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinematti, una storia folle. Il nostro gruppo Facebook diventa un film

prev
Articolo Successivo

Thor, Star Wars e Twin Peaks. La dura legge del sequel

next