Il primo maggio, festa dei lavoratori, il neo assessore al Turismo della Lombardia, Lara Magoni, ha scritto così su Facebook: “Rinnegare ciò che di buono è stato fatto è un grande errore, visto che le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio TUTTE dal fascismo”. La ex sciatrice bergamasca ha difeso il suo post: “È la storia, io seguo semplicemente ciò che dice la storia. I nostalgici siete voi”, dimenticandosi che i sindacati che non si allineavano al diktat mussoliniano venivano repressi e che i diritti fondamentali dei lavoratori sono stati scritti nero su bianco (articoli 35-40 della Costituzione) dai padri costituenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, la ricetta di Farinetti per un’accordo con Di Maio e Salvini. Gli piace Martina: “Renzi? A star zitti si fa bella figura”

next