Una nuova perizia per accertare il nesso tra “le condotte colpose già accertate” e la morte di Stefano Cucchi. L’ha chiesta il pg Arcibaldo Miller nel terzo processo d’appello ai cinque medici dell’ospedale romano Sandro Pertini (il primario Aldo Fierro, insieme con i dottori Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo), imputati nella vicenda della morte di Stefano Cucchi, il giovane geometra romano arrestato nell’ottobre 2009 per droga e morto una settimana dopo in ospedale.

I giudici della II Corte d’assise d’appello, presieduti da Tommaso Picazio, dopo aver ascoltato gli interventi delle parti civili (Comune di Roma e Cittadinanzattiva-Tribunale diritti malato) e di gran parte dei difensori degli imputati, hanno aggiornato a metà maggio l’udienza per ascoltare gli ultimi due avvocati e per la camera di consiglio nella quale dovranno stabilire se riaprire l’istruttoria dibattimentale e eventualmente con quali modalità. L’ipotesi della nuova perizia è stata avversata dai difensori, i quali si sono comunque rimessi alla valutazione della Corte; Cittadinanzattiva l’ha considerata una subordinata alla richiesta formale di sentire alcuni periti o medici.

Lunga e complessa la vicenda processuale che ha riguardato i medici. Inizialmente portati a processo per l’accusa di abbandono d’incapace, furono condannati in primo grado nel giugno 2013 per omicidio colposo, poi assolti in appello. Intervenne la Cassazione rimandando indietro il processo, con i nuovi giudici che confermarono quell’assoluzione. Poi, nuovo intervento della Cassazione e nuovo rinvio per quest’altro processo. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ubi, gup di Bergamo dispone il rinvio a giudizio per tutti gli imputati. Bazoli, Messiah e banca a processo

next
Articolo Successivo

Inps, “quella funzionaria è pericolosa”. Così l’ente tenta di liberarsi di chi pretende trasparenza dai superiori

next