di Angelo Mazzoleni

La mossa del presidente Mattarella, di un mandato esplorativo a Maria Elisabetta Alberti Casellati, mira a verificare se esista la possibilità di un governo tra centrodestra e M5s (o, in subordine, Lega-M5s), ma anche a stanare queste forze politiche.

La Casellati dovrà dare una risposta al presidente della Repubblica entro venerdì, costringendo in tempi strettissimi sia Salvini che Di Maio a decidere in fretta. Se l’esito dell’indagine della presidente del Senato dovesse risultare negativo, si aprirà la strada per un probabile secondo mandato, magari a Roberto Fico, per accertare se sia possibile, in alternativa, la nascita di un governo Pd-M5s o Pd-centrodestra.

In sostanza, i nodi dei veti incrociati e dei ritardi accumulati da Salvini e Di Maio senza prendere iniziative concrete, con incontri faccia a faccia, vengono al pettine. Sia la Lega che il M5s dovranno ora decidere rapidamente se vogliono davvero fare quel governo di cambiamento, chiesto dagli elettori o ammettere un primo fallimento che aprirebbe un altro scenario e un probabile ritorno alle urne.

E’ quel che speravano Renzi e Berlusconi. In modi diversi, stavano entrambi minando il terreno di ogni possibile intesa tra Lega e M5s. Il Pd, infatti, non si era affatto ritirato sull’Aventino per fare opposizione. I renziani si erano semplicemente appollaiati sul quel Colle in attesa di veder passare il cadavere di Di Maio e Salvini giocando di sponda col Cavaliere. Era in fondo il piano iniziale, tramite il Rosatellum, di Renzi e Berlusconi.

Quanto questa loro strategia potrà alla fine trovare spazio, dopo la  pesante sconfitta e contro il volere espresso dagli elettori, dipenderà dalle scelte che faranno, in questi due giorni, Di Maio e, soprattutto, Salvini.

Come noto, i nodi veri da sciogliere per un accordo sono di natura politica: l’ostacolo Berlusconi ed il problema della leadership del governo. Entrambi potrebbero essere superati con un compromesso ragionevole: Salvini liberandosi dalla direzione del Cavaliere (peraltro deleteria per la sua stessa immagine di nuovo leader del centrodestra), Di Maio fornendo al leader leghista garanzie certe di un pari peso nelle decisioni e nella guida del governo.

Lo strumento, già utilizzato in passato, anche se con esiti non positivi, potrebbe essere, a mio parere, quello di una alternanza o staffetta dei due leader alla Presidenza del Consiglio.

Questa mi pare l’unica via perché nasca un governo di cambiamento su questo fronte evitando che si apra l’altro con il Pd. Quest’ultimo scenario sarebbe per il M5s, ma anche per il Paese, peggiore del primo visto che comporterebbe un governo di Di Maio con Renzi e Boschi e dunque con un programma di compromesso assai annacquato, non certo in grado di dare risposte serie ai gravi problemi del Paese.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, partita M5s-centrodestra. La Lega rastrella voti a Forza Italia. Maggioranza contraria al “governissimo”

next
Articolo Successivo

Luxuria: “In Parlamento ci sono omosessuali per il 5%. Di Maio? Non è gay, Sgarbi ha solo rosicato tantissimo”

next