Inserivano nel modello 730 spese mediche fasulle e crediti inesistenti per ottenere rimborsi Irpef gonfiati. Poi versavano parte di questa somma – tra il 30 e il 50 per cento – all’organizzazione criminale. È una maxi truffa da più di 25 milioni di euro quella sgominata oggi dalla Guardia di finanza di Castellammare di Stabia. Ventotto gli indagati, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, falso e sostituzione di persona.

Le indagini sono iniziate nel settembre del 2015 e hanno portato alla luce un sistema criminale diffuso in quasi venti città italiane, da Milano a Napoli. I promotori della truffa si avvalevano di intermediari (spesso dei semplici prestanome) per procacciare contribuenti disponibili a taroccare la propria dichiarazione dei redditi. E secondo gli inquirenti sono 4.459 i modelli 730 – relativi alle annualità 2013, 2014 e 2015 – inviati all’Agenzia delle entrate con informazioni false e privi di adeguata documentazione. Un totale di 52 milioni di euro, da cui sono stati ricavati 25.113.098 euro sotto forma di rimborsi Irpef. A quel punto i titolari di queste dichiarazioni dovevano devolvere parte dei soldi ai promotori della truffa.

Su richiesta della Procura campana, il gip ha quindi disposto la confisca – a carico dei 28 indagati – della somma sottratta alle casse dello Stato. Per i contribuenti coinvolti, invece, il recupero del credito e l’applicazione delle sanzioni amministrative sono affidati all’Agenzia delle entrate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenze sugli anziani ad Arezzo. Le telecamere della procura mostrano l’inferno all’interno della casa di riposo

next
Articolo Successivo

Milano, studenti diffondono video in chat. Sospesi e “condannati” a lavori socialmente utili

next