“Questa scelta di rivolgersi al Paese sia giusta e può contribuire a stanare gli altri e a far finire un balletto che sta diventando insopportabile”. Così Andrea Orlando, intercettato dai cronisti all’ingresso alla Camera dei Deputati, ha commentato le parole del  segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, che in un post su Facebook ha chiesto di “ripartire da proposte concrete”, presentando tre punti: “Reddito d’inclusione (allargato), famiglie e lavoro”.  “Questi sono contenuti su cui convergerà chi vuole. Al momento i 5 Stelle e la Lega stanno parlando di tutto ma non dei problemi degli italiani – spiega Orlando, che aggiunge – noi siamo gli unici che abbiamo detto cosa vogliono fare, gli altri parlando di pane, di forni, di fornai, ma come faranno a costruire un’alleanza per governare il Paese ancora non si è capito. Al momento M5s e Lega ci stanno proponendo solo una discussione che verte soltanto sulle poltrone”. Poi Orlando non si sbilancia su una preferenza tra le ipotesi di incarico al presidente Fico o alla presidente Casellati, ma ringrazia il Presidente della Camera per “il suo appello sulla riforma carceraria. Appello che mi auguro non cada nel vuoto”