“Lo scandalo Cambridge Analytica non è uno scandalo. È propaganda”. Lo spiega Dino Amenduni, socio dell’agenzia di comunicazione Proforma ed esperto di comunicazione, a margine degli incontri del Festival del Giornalismo di Perugia. “Sono stati utilizzati dati per campagne basati su metodo psicografico, ovvero basate sull’incrocio tra le caratteristiche di personalità degli utenti e i meccanismi di navigazione su Facebook”, dice Amenduni. “Le azioni di propaganda quindi sono particolarmente aggressive, ma sempre di propaganda si tratta”. “Non si deve minimizzare ma neanche drammatizzare”, conclude. “È la migliore propaganda mai fatta ma i cittadini non si fanno manipolare, ci vuole il contesto per votare. Il tema è se i dati sono stati raccolti volontariamente o meno. Il caso Cambridge Analytica ha fatto conoscere a Facebook il suo punto debole”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Festival del giornalismo, il fascismo è tornato? “Fenomeno globale, in India il Mein Kampf è attualmente il libro più venduto” 

next
Articolo Successivo

Sondaggi, con il voto anticipato sarebbe “ballottaggio di fatto”: M5s (al 35) contro il centrodestra (38). Pd dietro alla Lega

next