“Ho sotto contratto Fausto Brizzi per tre anni”. Lo ha confermato all’Ansa l’attore, regista e produttore Luca Barbareschi. “A luglio iniziamo il suo nuovo film. Brizzi è un genio, ha una testa meravigliosa”. E a proposito del movimento #MeToo nato a Hollywood per denunciare le molestie sul luogo di lavoro, Barbareschi sostiene che “sono un branco di mentecatti. È una roba comica“.

Il produttore cinematografico, titolare della Casanova multimedia Spa e direttore del teatro Eliseo di Roma, ha parlato durante gli Screenings Rai a Matera, dove la sua fiction “La strada di casa” è stata scelta per un remake negli Stati Uniti. “Quando leggevo le notizie delle presunte molestie sessuali che hanno travolto il regista di Notte prima degli esami e lo hanno portato alla rottura con Warner ridevo: è da matti rinunciare a Brizzi”, ha dichiarato Barbareschi. Il riferimento è alle testimonianze, raccolte dalla trasmissione televisiva Le Iene, di alcune ragazze che hanno accusato il regista romano di abusi e molestie. Un caso su cui ora indaga la procura capitolina. “È pazzesco quello che è accaduto, non ha fatto niente. Quando ho letto che volevano togliere il suo nome dal suo film è stata la dimostrazione della insipienza della capacità manageriale di alcuni”, ha concluso Barbareschi.

Fausto Brizzi, 49 anni, è noto per aver diretto film e commedie, come Notte prima degli esami, Maschi contro femmine Poveri ma ricchi. Nel 2017, sull’onda della vicenda del produttore di Hollywood Harvey Weinstein che ha scatenato il movimento #MeToo (quello che Barbareschi definisce “un branco di mentecatti”), Brizzi è stato accusato di molestie da dieci attrici. “Mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi”, aveva dichiarato il regista nel novembre scorso. “In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso tutte le mie attività lavorative e imprenditoriali”. Attività che, stando a quanto annunciato da Barbareschi, riprenderà a partire dal prossimo luglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crollo Rescaldina, dopo una settimana sotto le macerie salvato il cane “Ciclamino”

prev
Articolo Successivo

Vita di coppia addio? Ecco l’identikit dei single italiani

next