Era lui l’unico disperso del crollo di Rescaldina. Ciclamino, cane razza Shitzu, è stato ritrovato nella notte di venerdì tra le macerie della palazzina del milanese sventrata da un’esplosione la mattina di sabato 31 marzo. Il cane, di proprietà di una delle famiglie che abitavano nella struttura, è rimasto per una settimana sotto le macerie.

I Vigili del fuoco lo hanno estratto dopo aver sentito dei rumori provenienti da una piccola apertura. Le condizioni di Ciclamino, visitato da un veterinario, sono buone: il cane ha delle piccole escoriazioni sul corpo ma nulla di preoccupante. È stato subito pulito e idratato, ha bevuto una bottiglietta di acqua mentre era avvolto nel telo termico ed è stato tenuto in braccio da un vigile del fuoco perché tremava dal freddo e dallo shock.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isola dei Famosi 2018, paura per Stefano De Martino: boss della droga ammazzato con 19 colpi di arma da fuoco nel suo albergo

prev
Articolo Successivo

Fausto Brizzi, Barbareschi: “Contratto al regista per tre anni, è un genio. #MeToo? Un branco di mentecatti”

next