“Sono stata violentata nel 1997 e ci ho messo 21 anni per capire cosa mi fosse successo e per trovare il coraggio e la forza per parlarne in pubblico”. In seguito al modo in cui questa storia è stata trattata, “sono caduta in profonda depressione per diversi mesi e ho trovato la forza per uscirne e rialzarmi grazie a due splendidi gruppi italiani ‘Non una di meno’ e ‘Telefono rosa’ che sono stati dalla mia parte. Finalmente siamo ascoltate e credute! MeToo, penso, è il più grande movimento rivoluzionario per le donne dalla loro conquista del voto e con il più largo impatto sul movimento. E domani, 8 marzo, sarò per le strade di Roma, fianco a fianco alle mie sorelle di lotta nello sciopero globale. Questo è MeToo. Non siamo più vittime, siamo vittoriose ormai”. Queste alcune delle parole che l’attrice e regista Asia Argento ha pronunciato al Parlamento Europeo al seminario sul ruolo e l’importanza delle donne nei media e nelle tecnologie in occasione delle celebrazioni per la Giornata internazionale della Donna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti ambientali, l’Italia riconosce la protezione umanitaria a chi ‘scappa dal caldo’

next
Articolo Successivo

8 Marzo: dalle molestie alle discriminazioni in carriera, le donne che si ribellano raccontate su FqMillenniuM

next