Un reclutatore di lupi solitari e aspirante attentatore con coltello e usando camion, come negli ultimi attentati avvenuti in Europa. Elmahdi Halili, 23 anni, italo marocchino, arrestato oggi in in un’operazione della polizia, coordinata dalla procura di Torino, faceva azione di proselitismo e in alcuni casi ha anche incontrato, italiani convertiti, ghanesi, marocchini, spesso già conosciuti dagli investigatori “Era il momento di intervenire. Non potevamo permetterci che individuasse l’obiettivo da colpire. Si sono configurati gli elementi per un’azione immediata” dicono il questore di Torino Francesco Messina e il capo della digos Carlo Ambra. Al momento dell’arresto il giovane ha inveito contro le forze dell’ordine che ha definito “tiranni e ha detto di andare a testa alta in prigione. Quindi andava messo in condizioni di non nuocere”. Il questore in conferenza stampa ha parlato di un contesto della minaccia terroristica successivo alla sconfitta militare sui territori di provenienza del Califfato.

Era sotto indagine dopo patteggiamento per istigazione a delinquere
Haili è ritenuto autore del primo testo di propaganda dell’Isis in italiano ed era un personaggio noto agli investigatori dell’Antiterrorismo perché tre anni fa aveva patteggiato una condanna a due anni per istigazione a delinquere con finalità di terrorismo per la pubblicazione sul web di una serie di documenti dell’Isis. Da allora il giovane era diventato oggetto di indagine in cui gli si contesta la “partecipazione all’associazione terroristica dello Stato Islamico”.  L’accusa ipotizzata è di aver svolto una campagna di radicalizzazione e proselitismo sul web. La polizia ha eseguito tredici perquisizioni a Milano, Napoli, Modena, Bergamo e Reggio Emilia. L’indagine è stata condotta dalla Digos torinese, con il supporto del Servizio per il contrasto dell’estremismo e del terrorismo esterno dell’Ucigos. “Siamo intervenuti senza indugio. Abbiamo dovuto agire immediatamente per eliminare questa minaccia: Halili poteva compiere delitti –  ha detto Messina – C’è stata un’escalation nel suo percorso. È passato dall’auto indottrinamento al cercare e contattare soggetti, lupi solitari’, che potessero compiere azioni terroristiche e stava anche studiando come usare il coltello e su come preparare il camion per eventuali attentati”.

La piattaforma social con i messaggi di Al Baghdadi
Quando il 30 agosto del 2016 il capo della propaganda e portavoce dell’Isis Abu Mohammed Al Adnani fu ucciso ad Aleppo, Elmahdi Halili creò una piattaforma social dove pubblicò tre diverse playlist con i messaggi più famosi del braccio destro di Al Baghdadi, compreso quello in cui dava l‘ordine ai lupi solitari presenti in Europa di scatenare la campagna di terrore che ha portato alle che ha portato alle stragi del 2015. L’indagine su Halili è partita proprio nel 2015 quando ha patteggiato una condanna a due anni di reclusione, con sospensione condizionale della pena, per istigazione a delinquere con finalità di terrorismo proprio per la pubblicazione sul web di una serie di documenti dell’Isis.

Le verifiche successive hanno consentito agli uomini dell’antiterrorismo di accertare che il giovane, proprio dopo aver subito la condanna, ha accelerato il suo percorso di radicalizzazione, intensificando l’attività di proselitismo ed indottrinamento. Gli investigatori gli hanno infatti sequestrato diverso materiale, sia di propaganda sia inneggiante al jihad: filmati dei combattenti in Siria e Iraq, video delle esecuzioni di civili e militari, le rivendicazioni degli attentati di Parigi e Bruxelles. Nella disponibilità del giovane c’erano poi, oltre ai messaggi di Al Adnani, anche i sermoni di Anwar Al Awlaki, conosciuto come il ‘Bin Laden di internet’: entrambi, dicono gli investigatori, erano considerati dal ventitreenne come dei veri e propri padri spirituali.

I legami con il pugile che voleva macellare infedeli e un altro aspirante foreign fighter
L’inchiesta che aveva portato alla denuncia di Halil, denominata ‘Balkan Connection’, aveva portato alla scoperta di persone in grado di arruolare soldati per l’Isis. Tra questi anche il foreign fighter bresciano Anas El Abboubi, arrestato, scarcerato dal Riesame e poi andato in Siria a combattere. Quest’ultimo sarebbe morto, ma non ci sono documenti ufficiali. Gli inestigatori hanno documentato “pregressi contatti con Moutaharrik Abderrahim (il kickboxer arrestato e condannato) e Khachia Abderrahmane, i due aspiranti foreign fighters arrestati il 26 aprile 2016 in esecuzione di misure cautelari emesse dall’Autorità Giudiziaria di Milano per associazione con finalità di terrorismo”.

Gli incontri con i proseliti tra Torino e provincia
Gli incontri tra Halili e le persone da lui individuate nell’azione di proselitismo avvenivano a Torino e in provincia. Si tratta di soggetti violenti, potenzialmente adatti a compiere attentati: italiani convertiti all’Islam e stranieri. “Si tratta di una minaccia in un contesto liquido, non preciso, ma delicatissimo – ha spiegato Messina – In questa fase è questa la minaccia che dobbiamo contrastare. Il Daesh è stato sconfitto sul campo di battaglia, ma la sua propaganda continua”. L’operazione anti-terrorismo è stata chiamata ‘Amore e odio’ – ha precisato Ambra, “perché Halili diceva che l’Islam è equilibrio tra questi sentimenti: amore per i credenti e odio per i miscredenti“.  “La famiglia lo ha allontanato, condannando la sua scelta – ha rivelato poi il capo della Digos – Aveva atteggiamenti radicali anche in casa. Era arrivato a non volere che la madre toccasse il suo cibo“. Il padre, muratore, era in Italia dall’89. “Una famiglia perbene”, secondo gli inquirenti. La madre è casalinga, un fratello perito elettronico (come l’arrestato) e la sorella studentessa.

Minniti sul caso Foggia: “Non ha uguali in Occidente”
Solo ieri a Foggia è stato arrestato il presidente di un centro islamico che indottrinava bambini dai 4 ai 10 anni al jihad. Un evento che “non ha eguali in Occidente” dice, in un’intervista a La Stampa, il ministro dell’Interno Marco Minniti: “Il quadro della minaccia di Isis rimane radicalmente immutato. Anzi, la caduta di Raqqa e Mosul, se da una parte fa venir meno l’elemento ‘territoriale’ del Califfato, dall’altro aumenta la pericolosità dell’altra componente, quella terroristica“. “Grazie a un’indagine svolta da personale super-specializzato – continua Minniti – siamo stati capaci di penetrare un ‘cuore di tenebra’. Lì veniva utilizzato il vocabolario tipico dell’Isis e di Al Adnani, il ministro della propaganda del Califfato. L’elemento di novità assoluta è che tutto questo avviene qui, non a Dacca o nei territori dell’Isis. Nel cuore dell’Europa”.  “Il nuovo governo – invita dunque Minniti – continui con le espulsioni contro i radicalizzati”.