Da Fico a Franceschini: di sicuro serve un patto politico
Quello che è certo è che per l’elezione della Camera, soprattutto con la formazione composita dell’emiciclo, serve un patto politico solido: nessuno dei tre poli (due più grandi, uno più piccolo) può ambire a eleggere qualcuno per conto proprio. I nomi che sono stati in cima alla lista, fino a ieri, sono stati quelli di Roberto Fico e Riccardo Fraccaro, entrambi esponenti dei Cinquestelle. Nei giorni scorsi si era fatto anche il nome di Emilio Carelli, anche lui eletto con il M5s, ma per trent’anni dipendente delle aziende Fininvest e Mediaset. Ma in un quadro che distribuirebbe una Camera al M5s e l’altra al centrodestra le altre figure che sono state avvicinate allo scranno più alto di Montecitorio sono state Giancarlo Giorgetti (Lega), Mariastella Gelmini (Forza Italia), Dario Franceschini e Roberto Giachetti (entrambi del Pd), ma anche la leader dei Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Una delle ipotesi più remote, infine, è che i candidati alla presidenza delle Camere siano i leader dei partiti usciti “vincitori”, quindi a Montecitorio Luigi Di Maio e al Senato Matteo Salvini.

INDIETRO

Camere, l’elezione dei presidenti tra blitz e franchi tiratori. Ecco regole, candidati e aneddoti per seguire gli scrutini

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camere, Martina (Pd): “Ci aspettavamo novità che non c’è stata. Gioco di veti tra M5s e centrodestra blocca tutto”

next