Dal quarto scrutinio serve la maggioranza assoluta
Alla Camera la convocazione è alle 11. A presiedere sarà Roberto Giachetti, del Pd, perché è il vicepresidente più anziano della legislatura precedente. La votazione avviene per schede e in modo segreto: ogni deputato passerà dentro alle consuete cabine sotto la presidenza e depositerà il voto dentro un’urna. Alla Camera si faranno tre votazioni al giorno. Nella prima votazione è richiesta la maggioranza dei due terzi dei componenti, ovvero 420 voti. Per il secondo e terzo scrutinio serve invece il quorum dei due terzi dei votanti, contando anche le schede bianche. Per gli eventuali scrutini successivi è sufficiente la maggioranza assoluta dei voti, contando pure in questo caso anche le schede bianche. Nelle ultime 6 legislature il presidente è stato eletto il giorno dopo l’inizio della seduta (4 scrutinio). Eletto il presidente, si procederà all’elezione di quattro vicepresidenti, di tre questori e di otto segretari che costituiranno – tutti insieme – l’ufficio di presidenza. Dovranno essere rappresentati tutti i gruppi.

INDIETRO

Camere, l’elezione dei presidenti tra blitz e franchi tiratori. Ecco regole, candidati e aneddoti per seguire gli scrutini

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camere, Martina (Pd): “Ci aspettavamo novità che non c’è stata. Gioco di veti tra M5s e centrodestra blocca tutto”

next