Sono diciassette in tutto, ma le storie che questi vestiti raccontano sono molte di più. La mostra-denuncia inaugurata alla Casa dei Diritti di via de Amicis a Milano e organizzata dal Centro antiviolenzaCerchi d’acqua’, è stata pensata per dare voce alle centinaia di donne che, solo a Milano, ogni anno subiscono violenza sessuale. “Com’eri vestita? Cosa indossavi?” Il titolo si ispira alla domanda che troppo spesso queste donne si sentono fare, un interrogativo accusatorio che ribalta l’attribuzione della responsabilità dall’autore alla vittima, come se la violenza fosse originata da un comportamento inopportuno, un modo di vestirsi “sbagliato”, che fosse un vestito, un pigiama o un paio di jeans. “La donna non aveva acconsentito”, rilancia Silvana Milelli del centro antiviolenza. “Non serve altro, è questa l’unica cosa che conta”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili contro Emiliano a Bari per assegni di cura bloccati da luglio: “Vergognati”. Le scuse e le promesse del governatore

prev
Articolo Successivo

Eutanasia, appello di Cappato a Gentiloni: “Governo non si costituisca alla Consulta per difendere legge fascista”

next