Lancia l’allarme attraverso i suoi profili social, Rich Horner, dopo un’immersione a sud dell’isola di Bali, Indonesia. Più che tra i pesci, nelle acqua al largo di Manta Point ha nuotato in un mare di plastica. Nel video che ha postato su Facebook e Youtube, Horner nuota letteralmente in mezzo ai rifiuti. L’indomani qualcuno ha comunicato a Horner che i rifiuti non c’erano più, che la corrente li aveva portati altrove. “Purtroppo la plastica continua nel suo viaggio, verso l’oceano indiano, per ridursi lentamente in pezzi piccoli e piccoli, in microplastiche. Ma non se ne va”, scrive il sommozzatore su Facebook. Bali è tra le località più colpite in un paese, l’Indonesia, che per l’inquinamento dei mari è secondo solo alla Cina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Campania, da Caldoro a De Luca ecco come raddoppia il costo per smaltire i rifiuti: l’affare è (voler) operare in emergenza

prev
Articolo Successivo

Italia ripensaci, se ami il tuo Paese dici stop al nucleare

next