Lancia l’allarme attraverso i suoi profili social, Rich Horner, dopo un’immersione a sud dell’isola di Bali, Indonesia. Più che tra i pesci, nelle acqua al largo di Manta Point ha nuotato in un mare di plastica. Nel video che ha postato su Facebook e Youtube, Horner nuota letteralmente in mezzo ai rifiuti. L’indomani qualcuno ha comunicato a Horner che i rifiuti non c’erano più, che la corrente li aveva portati altrove. “Purtroppo la plastica continua nel suo viaggio, verso l’oceano indiano, per ridursi lentamente in pezzi piccoli e piccoli, in microplastiche. Ma non se ne va”, scrive il sommozzatore su Facebook. Bali è tra le località più colpite in un paese, l’Indonesia, che per l’inquinamento dei mari è secondo solo alla Cina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, da Caldoro a De Luca ecco come raddoppia il costo per smaltire i rifiuti: l’affare è (voler) operare in emergenza

next
Articolo Successivo

Italia ripensaci, se ami il tuo Paese dici stop al nucleare

next