A rigor di informazione, se Harrelson è l’ultimo fra gli scommettitori a poterla spuntare, il secondo più accreditato alla vittoria (6,00 contro 1,12 di Rockwell per bwin) è Willem Dafoe per Un sogno chiamato Florida di Sean Baker, film squisitamente indie che è partito dalla Quinzaine des Realisateurs per approdare, in Italia, al Festival di Torino come evento di chiusura. Dafoe, 62 anni e coniugato “italiano” con la regista Giada Colagrande, è reduce da un trionfale Orso d’oro alla carriera ricevuto qualche giorno fa alla 86ma Berlinale e come prevedibile non è alla sua prima candidatura da parte dell’Academy: sempre da non protagonista è infatti stato nominato sia per Platoon nel 1987 che per L’ombra del vampiro nel 2001.

E avrebbe dovuto o potuto vincerlo nel 2007 da protagonista per L’ospite inatteso il bravo Richard Jenkins, che quest’anno rappresenta una delle 13 “noms” imbarcate sulla nave di Guillermone del Toro. Già, perché è assai improbabile possa farcela, benché il suo “supporting” Giles sia un personaggio amabile nell’economia fiabesca de La Forma dell’Acqua. Il quasi 71 attore dell’Illinois è comunque assai più “quotato” dai bookmaker del discusso Christopher Plummer, “supplente” del castigato Kevin Spacey in Tutti i soldi del mondo di Ridley Scott. La sua candidatura fa più notizia per le polemiche legate al sexgate del “titolare” allontanato che non per la qualità stessa dell’interpretazione del decano attore canadese: insomma, il già premio Oscar (nel 2012 da non protagonista per The Beginners di Mike Mills) nato 80 anni fa a Toronto si accontenterà di una piacevole serata al Dolby Theatre in compagnia di amici e parenti.

INDIETRO

Oscar 2018, la sfida tra i cinque attori non protagonisti: ma c’è un solo favorito per la statuetta

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricomincio da noi, la rinascita di una Lady tradita grazie al ballo e all’amore

next
Articolo Successivo

Sandra Milo a Che fuori tempo che fa ricorda il suo grande amore: “Il primo bacio con Fellini? Sono svenuta”

next