Da Ricomincio da me a Ricomincio da noi. Ad attendere l’uscita nelle sale italiane del film di Richard Loncraine, che ha avuto la sua anteprima mondiale al Torino Film Festival nel novembre 2017, si acquista nel titolo un pluralismo generazionale (il titolo originale è ancora altra cosa: Finding your feet) che francamente in questa storia di rinascita psicofisica attraverso i balli di gruppo non guasta.

L’inglesissima Sandra (Imelda Staunton), signora alto borghese dopo 35 anni di formale matrimonio scopre che l’affettato marito ha una relazione con un’altra. È la sorella Bif (Celia Imre), una sessantenne single e “alternativa”, ciuffetto rosso in un caschetto castano, canne da fumare sempre pronte nel cassetto, ad ospitarla e ad offrirle un paio di stimoli inattesi: un gruppo di ballo composto da vecchietti, e il solito, impressionante Timothy Spall, che qui interpreta Charlie, un eccentrico restauratore di mobili che vive su una barca, nascondendo il segreto di una moglie malata di Alzheimer che dalla clinica dov’è ricoverata non lo riconosce più.

Gradualmente Bif fa scoprire a Sandra gli effetti di una scarica elettrica che può dare il movimento anca/bacino del boogie boogie, di una piroetta e di un casqué, tutto rigorosamente in coppia, ma anche l’emozione di un corteggiamento che si sviluppa nonostante l’età ancora con lo sfiorarsi di mani e corpo. “Ho 71 anni e ho la fortuna di essere ancora un regista attivo senza avere i miliardi di Ridley Scott”, ha spiegato il regista Loncraine. “Alla mia età ci si chiede spesso quanto tempo rimarrà da vivere. E altrettanto spesso nasce l’idea che si debbano cogliere delle opportunità per vivere questo periodo della vita al meglio. Badate bene: è una riflessione non solo femminile, ma anche presente nella testa di molti maschi. Inoltre sono convinto che le tematiche sulla vecchiaia al cinema non debbano essere necessariamente deprimenti, semmai devono infondere ottimismo e fare bene al cuore”. In sala dall’8 marzo 2018. Per voi la clip in esclusiva per il Fattoquotidiano.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘La forma dell’acqua’ e ‘Il filo nascosto’, due film che aiutano a capire se stessi e l’amore

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, la sfida tra i cinque attori non protagonisti: ma c’è un solo favorito per la statuetta

next