Tre manifesti, due attori e un solo Oscar disponibile. Fra Sam Rockwell e Woody Harrelson – entrambi mirabili supporting dell’acclamata opera del britannico Martin McDonagh – tutto (scommesse, previsioni, Golden Globe, SAGA, Critic’s Choice Award già vinti e parecchi altri..) celebra il primo. Non se ne avrà il collega Harrelson (qui alla sua terza nomination ma ancora a secco di statuette) se il 49enne californiano se ne avvantaggerà, ma il suo agente Jason Dixon, tanto alcolico e accidioso quanto capace di un’inversione a U comportamentale, è davvero inarrivabile per credibilità e forza scenica. Oscar già praticamente assegnato? A quanto pare i rivali di questa categoria possono mettersi il cuore in pace, e passare a una prossima sessione di esami indetta dall’Academy. Rockwell, peraltro, è alla sua seconda collaborazione col regista di Tre manifesti a Ebbing, Missouri avendo insieme già girato 7 psicopatici nel 2012: un connubio che evidentemente doveva segnare le carriere di entrambi.

Oscar 2018, la sfida tra i cinque attori non protagonisti: ma c’è un solo favorito per la statuetta

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ricomincio da noi, la rinascita di una Lady tradita grazie al ballo e all’amore

next
Articolo Successivo

Sandra Milo a Che fuori tempo che fa ricorda il suo grande amore: “Il primo bacio con Fellini? Sono svenuta”

next