“Uno può fare ciò che vuole ma, fatemelo dire, se metto in pedana una testa, sotto un braccio, mozzata, siamo al limite e io non sto a questo gioco, mi tolgo da questo gioco. Non vorrei neanche che i miei guardassero ciò che hanno fatto gli altri. Se quello che fanno gli altri è questo, meglio che stiamo a casa nostra. Io non ci sto. Quando vedo delle teste mozzate in passerella io mi tiro fuori”. A dirlo è sua maestà Giorgio Armani, “re” dello stile e dell’eleganza. Il riferimento è chiarissimo: le teste di silicone che i modelli e le modelle di Gucci hanno portato in mano durante l’ultima sfilata. Al termine del suo défilé, Armani si è schierato contro la scelta di Alessandro Michele, direttore creativo della maison fiorentina “Non dobbiamo a tutti i costi strafare con un’emotività facile. Non che certi toni siano assenti dalle passerelle: anche qui c’è un’emotività facile che è una spettacolarizzazione” ha aggiunto re Giorgio.

Insomma, le teste-clone del laboratorio Makinarium di Roma, ispirate a tecniche ed estetiche rinascimentali, non sono proprio piaciute. Però, in generale, la formula di Michele funziona e piace molto soprattutto ai Millenials. Il loro punto forte sono proprio le creazioni perfettamente “instagrammabili“: la regola è sempre quella, “l’importante è che se ne parli”. E se i suoi colleghi stilisti usano il loro profilo Instagram solo come vetrina dove condividere foto di campagne pubblicitarie e nuove creazioni, Alessandro Michele è fra i pochissimi creativi, forse l’unico, ad averne fatto una moodboard (la tavola di immagini che ispira le collezioni) in perenne aggiornamento. Si profila quindi uno scontro generazionale all’orizzonte: da una parte l’eleganza e la raffinatezza per antonomasia che negli anni hanno consacrato Armani come il “re” dello stile; dall’altra l’estro e l’esuberanza del giovane Michele, che riesce ad intercettare quella fascia di mercato più “sborona”, a cui piace vantarsi e farsi riconoscere sempre all’ultima moda. Chi l’avrà vinta?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni e Fedez: “Abbiamo avuto paura per nostro figlio Leone”

next
Articolo Successivo

Lisa Marie Presley, la figlia di Elvis in rovina fa causa al suo ex manager

next