Lisa Marie Presley è in rovina. La sostanziosa eredità che le ha lasciato il padre Elvis, morto quando lei aveva nove anni, non c’è più. La donna, 50 anni, dà la colpa all’ex manager che amministrava le sue finanze e ha dato il via a un’azione legale nella quale chiede di essere risarcita per 100 milioni di dollari. Barry Siegel, questo il nome del manager, ha a sua volta risposto con una azione legale: Lisa avrebbe dilapidato tutto con uno stile di vita eccessivo. La somma chiesta dall’uomo è di 800mila dollari che sono i conti non pagati da Lisa Marie Presley.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Settimana della Moda Milano 2018, Giorgio Armani contro Gucci: “Teste mozzate in passerella? Siamo al limite”

next