MOSCHINO – Voto 10 e lode: Jeremy Scott non sbaglia un colpo: in passerella porta una Jackie Kennedy in chiave super pop. L’eleganza è quella molto bon-ton degli anni Sessanta ma i colori sono fluo. Le sue modelle sembrano delle Barbie disegnate da Andy Warhol: è come fare un tuffo nel passato. La sfilata inizia con una serie di tailleur monocromatici in bouclé, dalla linea classica, gonna longuette al ginocchio, giacchino aderente in vita e cappellino coordinato. Delle perfette hostess in technicolor (anche la loro pelle è stata dipinta in contrasto con gli abiti). Poi arrivano gli abiti da sera: gli orli si allungano, la stoffa si impreziosisce e si arricchisce con paillettes e lustrini.

Vestiti lunghi, a tubino con strascico messi in risalto da fiocchi e decori geometrici sulla gonna. A indossare le sue creazioni ci sono tutte le super top del momento: le sorelle Bella e Gigi Hadid e Kaia Gerber, la figlia di Cindy Crawford. Dopo la stravaganza delle precedenti collezioni che puntavano tutto sull’esagerazione di oggetti simbolo della cultura pop, Jeremy Scott si concede una vena più romantica e femminile, trasportando nel presente le grandi icone di stile del passato, da Jackie a Audry Hepbourn  e riportando un po’ di classe in questo 2018.

Settimana della moda Milano 2018, le pagelle delle sfilate. Dalla Jackie di Moschino ai cuccioli in passerella da Tod’s

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regina Elisabetta, lettera aperta a Sua Maestà (che ha partecipato a una sfilata, annientando l’attenzione su quelle che verranno dopo. Per sempre)

prev
Articolo Successivo

Sciuragram, dimenticate le fashion blogger. È questo il vero nuovo trend delle sfilate milanesi

next