Con il M5S sotto accusa per il caso rimborsi, Di Maio, Bonafede e altri esponenti dello staff pentastellato si sono ritrovati per diverse ore al comitato per controllare i rendiconti inviati dai parlamentari. “Abbiamo restituito circa 23 milioni”, si è difeso Alfonso Bonafede. Per poi rivendicare: “Il M5S fa pulizia, chi sbaglia paga. E non resterà nel Movimetno”.
C’è però il rischio che le “mele marce”, così come bollate da Di Maio stesso, diventino i nuovi Vacciano, che non si è mai riuscito a dimettere: “Avremo i numeri nella prossima legislatura per accettare le loro dimissioni”, ha tagliato corto, difendendosi dalle accuse di controlli troppo superficiali dei vertici. Al contrario del neo candidato Emilio Carelli, che ha ammesso: “Si poteva controllare meglio”. Resta invece l’incognita di Borrelli, il fedelissimo che è passato al gruppo non iscritti del parlamento Ue. Nessuna motivazione, salvo un riferimento generico a “problemi di salute”. Ma Bonafede: “C’entra pure lui con il caso rimborsi? Questo dovete chiederlo a lui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Lombardi: “Rendicontazioni? Sono in regola, si sciacquino la bocca prima di parlare di me”

next
Articolo Successivo

I Cinque Stelle e le questioni immorali

next