“Berlusconi è molto impegnato nella campagna politica. Gli auguriamo un percorso in crescendo”. La moglie di Marcello Dell’Utri, Miranda Ratti, risponde così alle domande dei cronisti a margine della conferenza stampa con Mauro Palma, Garante dei diritti dei detenuti, e i legali dell’ex senatore, Alessandro De Federicis e Simona Filippi. Dell’Utri sta scontando a Rebibbia la condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. E in questi giorni la Procura di Palermo ha chiesto per lui una nuova condanna – 12 anni di carcere – nell’ambito del processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Il 2 febbraio ci sarà invece l’udienza nella quale il tribunale di sorveglianza di Roma deciderà sul nuovo ricorso presentato dai legali dell’ex senatore che chiedono la scarcerazione per incompatibilità con le patologie di cui soffre: anche un tumore alla prostata diagnosticato a luglio. “L’udienza sarà pubblica per decisione di Dell’Utri”, spiega l’avvocato De Federicis

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, a Genova aperta inchiesta per riciclaggio dei rimborsi-truffa durante le gestioni di Maroni e Salvini

prev
Articolo Successivo

Giudice del processo ai Cesaro fotografato a convention di Fi: “Non ho partecipato”. Il Tribunale: “C’è valutazione in corso”

next