Vestiti buttati a terra, vetrine danneggiate e cartelli contro H&M: diverse persone hanno saccheggiato i negozi del gruppo svedese in Sudafrica. Una protesta nata per la pubblicità di una felpa con la scritta “La scimmia più cool nella giungla“ indossata da un bambino di colore. L’immagine aveva scatenato una bufera social contro la grande catena di abbigliamento low cost, costretta a fermare la campagna di marketing. Ma per Mbuyiseni Ndlozi, portavoce del gruppo di estrema sinistra Economic Freedom Fighters (Eff) che ha guidato la manifestazione, la replica di H&M “è troppo poco” ed è avvenuta “troppo tardi”.

La protesta ha coinvolto, secondo quanto riportato da Reuters, sei negozi nella provincia di Gauteng e in particolare a Johannesburg, capitale economica del Sudafrica. I manifestanti erano vestiti in rosso, avevano il logo di Eff e mostravano scritte come “Abbasso H&M” e “H&M dì ‘ciao’ alle scimmie più cool”.  In un caso, gli agenti hanno sparato proiettili di gomma per disperdere i manifestanti, ha riferito la polizia. Finora però nessuno è stato arrestato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assange “non si lava”: per questo l’Ecuador lo vorrebbe far uscire dalla sua ambasciata a Londra

prev
Articolo Successivo

Amici, la punizione di Maria de Filippi per i party notturni: quattro espulsioni e tutti gli allievi mandati a pulire le strade

next