Julian Assange “non si lava”. Secondo quanto riferisce Fox News, è questo uno dei motivi dietro i recenti tentativi dell’Ecuador di far uscire il fondatore di Wikileaks dall’ambasciata di Quito a Londra, dove è rifugiato da cinque anni. L’emittente americana cita l’International Business Times e riferisce delle molte lamentele del personale dell’ambasciata ecuadoriana dove il 46enne risiede dal 2012 per sfuggire all’estradizione verso la Svezia. “Julian mangiava con le mani che poi si puliva sui pantaloni. Non ho mai visto pantaloni unti come i suoi in tutta la mia vita”, ha detto al quotidiano online newyorkese uno dei più stretti collaboratori di Assange, Daniel Domscheit-Berg.

Due giorni fa, l’Ecuador ha concesso al fondatore di Wikileaks la nazionalità e ha chiesto a Londra di riconoscergli lo status di diplomatico. Mossa questa che gli avrebbe concesso libertà di movimento. Ma il Foreign Office ha rifiutato. Ora, secondo una fonte citata dall’International Business Times, molti all’interno dell’ambasciata si sono lamentati della mancata igiene di Assange: “Non si lava abbastanza”. E altri in passato hanno fatto le stesse lamentele.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa: “Io non ho paura di niente e ho scoperto che non ho paura neppure di morire”

prev
Articolo Successivo

H&M, saccheggiati negozi in Sudafrica: proteste per la pubblicità “razzista”

next