“Da settembre in classe alle 10, così gli studenti imparano di più”. È la sperimentazione avviata dal preside dell’istituto Majorana di Brindisi, Salvatore Giuliano, che, con il nuovo anno scolastico, posticiperà l’ingresso e l’avvio delle lezioni. “Qualità e quantità del sonno modificano la capacità di imparare – spiega il preside al Corriere della Sera – C’è una stretta relazione tra le poche ore di sonno dei ragazzi e il minor livello di prestazioni per la memoria“. Gli studenti avranno modo di provare questa novità già il 23 e 24 gennaio, quando l’istituto ospiterà Luigi De Gennaro, professore dell’Università Sapienza di Roma, che spiegherà a professori e studenti i vantaggi di posticipare l’orario di ingresso a scuola.

Il preside ha fatto sapere che per il momento questa sperimentazione riguarderà solo le classi prime che inizieranno l’anno scolastico il prossimo settembre. E intanto si sta lavorando per creare un vero campus intorno al Majorana: strutture che ospiteranno mense e sale studio per superare le difficoltà di tipo logistico che potrebbero sorgere con le lezioni anche al pomeriggio. “Il nostro non è un punto di partenza, ma di arrivo” ha detto con orgoglio il preside Giuliano, che aggiunge: “Ci sono già numerose sperimentazioni nel mondo che dimostrano come spostare in avanti l’orario migliora il rendimento degli studenti”.

E saranno proprio gli stessi studenti dell’istituto a condurre una ricerca, nell’ambito dell’alternanza scuola lavoro, per analizzare gli effetti di questa sperimentazione su sé stessi e sui compagni. “Iniziare  la scuola alle 8 non è scritto sulle tavole di Mosè” concorda Raffaele Mantegazza, docente dell’Università Bicocca di Milano, che dalle pagine del Corriere gioisce per questa iniziativa.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contro la violenza domestica educhiamo i bambini all’amore

next
Articolo Successivo

Scuola, primarie e infanzia ripartono con lo sciopero. Docenti protestano contro il governo per il caos diplomi magistrali

next