Non hanno interrotto la protesta nemmeno nel giorno di Natale i lavoratori delle cooperative in appalto della Castelfrigo, azienda del modenese che opera nel settore delle carni,  in sciopero della fame dal 19 dicembre.  La protesta, arriva dopo due mesi di sciopero ad oltranza e di mobilitazione sindacale per chiedere la ricollocazione delle 127 persone licenziate dalle false coop in appalto. Al fianco dei quattro manifestanti,il segretario della Flai-Cgil di Modena Marco Bottura e tre operai, si alternano a turno i colleghi, in modo da mantenere un presidio permanente con la tenda rossa della Flai e due camper di supporto. E nel giorno di Natale davanti ai cancelli dell’azienda si sono radunate le famiglie dei lavoratori. Hanno cantato e suonato canzoni di festa e distribuito regali e dolci ai più piccoli

i video sono tratti dalla pagina Facebook della Cgil

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Negozi aperti anche a Natale. Ma c’è poco da festeggiare

prev
Articolo Successivo

Borsalino, Alessandria si mobilita per salvare l’azienda dichiarata fallita. Sui social c’è l’hashtag #saveborsalino

next