Un allevatore sessantunenne di Gibellina (Trapani) è stato fermato dai carabinieri di Sciacca (Agrigento) alla guida della sua automobile, con a bordo una ragazzina di tredici anni. Dagli accertamenti è emerso che l’uomo l’aveva portata in un ovile per farla prostituire con diversi uomini. L’uomo è stato quindi arrestato con l’accusa di sfruttamento della prostituzione. Sono in corso ulteriori indagini, coordinate dalla Procura di Sciacca che ha chiesto la convalida e l’applicazione della custodia in carcere che è stata disposta dal gip. La ragazzina è stata affidata ad una struttura di accoglienza.

In un primo momento l’allevatore aveva tentato di giustificarsi millantando un rapporto di parentela tra lui e la ragazzina, rapporto tuttavia inesistente. I carabinieri hanno invece trovato i numerosi precedenti penali del 61enne e approfondendo la storia hanno ricostruito quella che viene definita dagli stessi inquirenti “una vicenda agghiacciante”. Magistrati e carabinieri hanno già sentito diverse persone, soprattutto per definire il coinvolgimento di altri soggetti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Otto rapine alla stessa farmacia di Milano. All’ennesimo colpo gli agenti piombano addosso al cocainomane

prev
Articolo Successivo

Roma, mandi a quel paese il pizzardone? Le scuse vanno su internet. Ora c’è chi vuole fermare la gogna mediatica

next