“Scenderò in campo con Liberi e uguali”. L’annuncio, ormai anticipato già da giorni, è arrivato poco dopo l’ultima seduta dei lavori alla Camera. La presidente Laura Boldrini in vista delle prossime elezioni lavorerà nel campo di Liberi e uguali, la nuova formazione politica guidata da Pietro Grasso e che unisce molti degli ex aderenti del Partito democratico. “Io ho seguito con attenzione”, ha detto, “il tentativo di Pisapia per un centrosinistra rinnovato e in discontinuità, ma questa discontinuità non c’è stata”. Da qui la decisione di scendere in campo con “la formazione Liberi e uguali. Io ho iniziato a stare a sinistra prima della legislatura e continuerò a farlo anche dopo. Abbiamo il dovere di fare tutto per evitare la crescita dell’astensionismo elettorale delle forze progressiste. Sono convinta che la formazione Liberi e uguali, anzi ‘libere e uguali’ abbia la potenzialità per farlo”. Obiettivo, ha aggiunto: “Una forza aperta, inclusiva e di governo“.

La Boldrini ha quindi parlato delle sue priorità: “Il lavoro, la dignità delle persone, delle donne, la tutela dell’ambiente, la mobilitazione contro ogni forma di fascismo. La legislatura sta per finire ma non finirà il mio impegno su questi temi”. In particolare ha rilanciato il tema delle discriminazioni per il mondo femminile, su cui ha lavorato molto anche durante la legislatura che si sta concludendo: “Noi donne siamo il 51%, siamo stanche di essere considerate un’esigua minoranza, dobbiamo contare di più. Noi dobbiamo esigere più rispetto”. L’ormai ex presidente della Camera ha annunciato il suo impegno in LeU in occasione di un evento organizzato a Roma al Pastificio Cerere. Con lei molti degli esponenti che hanno aderito alla nuova forza politica, da Speranza a Civati, da Fratoianni a Scotto, Gotor , Marcon, La Forgia. All’iniziativa era presente anche Luciana Castellina.

“L’arrivo di Laura Boldrini”, ha commentato Massimo D’Alema, “rappresenta un grande valore. Anzitutto per il rilievo della sua personalità, per la straordinaria passione umana e civile con cui si è sempre battuta per i diritti delle donne e per la difesa dei diritti umani, prima sulla scena internazionale, nell’ambito delle Nazioni Unite e poi nelle istituzioni del nostro Paese”. Tra i primi a commentare anche Pippo Civati: “L’annuncio di Laura Boldrini è un bel regalo di Natale fatto a Liberi e Uguali”, ha detto. La presidente della Camera porterà un valore aggiunto al nostro progetto, come confermato dal suo discorso, appassionato, concreto e condivisibile. In una parola: ottimo. Il percorso che, come ho sempre sostenuto, deve essere inclusivo si arricchisce ancora di più, mettendo insieme energie diverse e capaci di dialogare con quegli elettori delusi dalla legislatura-vergogna che volge al termine in queste ore. Dopo Rossella Muroni a capo della campagna, insomma, arriva un’altra notizia che ha un valore politico cultura importante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, per essere audito dalle commissioni che indagano su De Luca serve il permesso dello stesso De Luca

next
Articolo Successivo

Filippo Piccone, deputato recordman di assenze lascia all’ultima seduta prima dello scioglimento: “Motivi personali”

next