È morta a 94 anni Liliane Bettencourt, presidente e maggiore azionista del gruppo L’Oreal. Lo riporta Le Monde. A marzo la rivista Forbes l’ha incoronata la donna più ricca del mondo con un patrimonio stimato in 39,5 miliardi di dollari, circa 33 miliardi di euro. Erede dell’impero della cosmetica fondato dal padre Eugene Schueller, ha ereditato il gruppo alla sua morte, nel 1957, lasciando però il ruolo di vertice al marito André. Nel 1974 però è stata lei a spingere per l’ingresso di Nestlé nell’azionariato e in seguito per l’acquisizione del marchio Maybelline.

Gli ultimi anni della sua vita sono stati segnati da una saga familiare, politica e giudiziaria che ha coinvolto anche l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, che fu indagato per circonvenzione di incapace con l’accusa di averle strappato finanziamenti illegali per la campagna presidenziale del 2007.

Il fotografo Francois Marie Banier è stato poi citato in giudizio dalla figlia di Liliane, Francoise, con l’accusa di aver abusato della fragilità mentale della madre per sottrarle una fortuna e nel 2010 Mediapart ha denunciato i rapporti fra l’ereditiera e l’ex ministro del bilancio e tesoriere dell’Ump Eric Woerth.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alluvione Livorno, record per il concerto benefit di Appino e Motta: biglietti finiti in poche ore. Sul palco pure Nada e Brunori

prev
Articolo Successivo

Twin Peaks, Tamagotchi e Spice Girls: gli anni Novanta sono tornati, ma ne sentivamo la mancanza?

next