“Per me Carrai era un amico, una persona che conoscevo, non ho pensato al suo ruolo (in quel momento ndr), lui stesso nella mail dice ‘mi è stato chiesto di…'” Lo ha detto l’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni in commissione di inchiesta sulle banche commentando la mail di Marco Carrai in cui quest’ultimo lo sollecitava su Banca Etruria. “Non l’ho mai considerato un interlocutore politico” ha detto. Fu un “sollecito secondo me non in modo pesante” ha aggiunto precisando anche che facendolo con una mail “si sapeva che sarebbe stata pubblica all’interno della banca”. Ghizzoni ha ricordato infatti che la “mia casella postale era accessibile alle mie segretarie”. Carrai, ha concluso, “non l’ho mai considerato interlocutore politico, per me era un privato che mi chiamava per un tema non di sua competenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili