“Per me Carrai era un amico, una persona che conoscevo, non ho pensato al suo ruolo (in quel momento ndr), lui stesso nella mail dice ‘mi è stato chiesto di…'” Lo ha detto l’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni in commissione di inchiesta sulle banche commentando la mail di Marco Carrai in cui quest’ultimo lo sollecitava su Banca Etruria. “Non l’ho mai considerato un interlocutore politico” ha detto. Fu un “sollecito secondo me non in modo pesante” ha aggiunto precisando anche che facendolo con una mail “si sapeva che sarebbe stata pubblica all’interno della banca”. Ghizzoni ha ricordato infatti che la “mia casella postale era accessibile alle mie segretarie”. Carrai, ha concluso, “non l’ho mai considerato interlocutore politico, per me era un privato che mi chiamava per un tema non di sua competenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pavia, bagarre in consiglio comunale: consigliere del Pd aggredisce e spinge a terra esponente M5s

next
Articolo Successivo

Sondaggi, centrodestra schizza a 281 seggi ma la maggioranza resta lontana. Nei collegi del Sud battaglia decisiva col M5s

next