Al debutto c’erano i sindaci di Parma Federico Pizzarotti e di Quarto (Napoli) Rosa Capuozzo, entrambi ex M5s, più ex parlamentari grillini come Massimo Artini, oltre a sindaci civici come Renato Accorinti (Messina). A pochi mesi dalle elezioni politiche, è nato a Roma il movimento dei sindaci “L’Italia in Comune“. Eppure, secondo il suo fondatore, il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, non ci sarà una lista in corsa alle prossime politiche: “Siamo in prima linea, ma non abbiamo mai possibilità di dare risposte ai cittadini, dopo anni di tagli agli enti locali. Abbiamo deciso così di lanciare un movimento politico nazionale, ma siamo appena nati. Pensiamo più alle elezioni del 2023“, ha spiegato. Dello stesso avviso anche Pizzarotti: “La prospettiva va costruita con serietà, questo non può essere fatto in due mesi. Un obiettivo a medio termine può essere aiutare altre liste civiche nazionali o pensare alle prossime Regionali”, ha sottolineato l’ex sindaco M5s. Pizzarotti ha però rivendicato, in merito al passato di molti partecipanti: “Non saremo il partito né degli esuli né degli espulsi”. “Una casa la stiamo costruendo, noi siamo rimasti gli stessi, gli altri hanno deviato”, ha attaccato Rosa Capuozzo contro il M5s. Non è stato l’unico affondo verso i grillini: “Al Parlamento dovrebbe andare chi ha già amministrato. L’idea di portare la persona della strada è tutt’altro che rivoluzionaria”, ha aggiunto Pascucci. Gli fa eco Capuozzo: “Questo è il problema che si presenta quando si propone come candidato premier uno come Di Maio…”, ha affondato contro l’attuale “capo politico” pentastellato. Ma quale sarà allora l’interlocutore politico? “Serve capire cosa succederà alle elezioni politiche, si uscirà in modo diverso a come ci si entra”, ha spiegato Pizzarotti. Poi, chissà. Perché in caso di stallo e ingovernabilità e di rischio ritorno alle urne, “Italia in Comune” potrebbe anche non dover aspettare fino al 2023 per presentare una lista alle Politiche
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sinistra, Grasso: “Non lasciamoci scoraggiare da chi parla di favori ai populismi: l’unico voto utile è il vostro”

prev
Articolo Successivo

Referendum 4 dicembre, un anno dopo: la “catastrofe” annunciata da Renzi con la vittoria del No? È l’implosione del ‘suo’ Pd

next