Un bambino di un anno di Palazzago è morto di meningite questa mattina all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. A dare la notizia è stato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera. “Sono vicino al dolore della famiglia del bambino deceduto – afferma in una nota -. Il piccolo era arrivato nella notte nel reparto di anestesia pediatrica già in condizioni critiche. Sottoposto a profilassi, purtroppo non ce l’ha fatta”. Il bambino era stato visitato all’ospedale di Ponte San Pietro prima di essere trasferito.

Il piccolo non frequentava l’asilo nido, ma la regione ha già informato l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo che ha già sottoposto a profilassi le persone più vicine al bambino. Per quanto riguarda il personale ospedaliero, invece, sono già stati sottoposti a profilassi 17 operatori sanitari. “Sono stati inviati al centro di riferimento regionale campioni per le indagini molecolari” fa sapere Gallera. I test hanno stabilito che si tratta di meningococco di tipo C come fa sapere l’assessore. “Comprendo – ha concluso Gallera – che due casi di decesso a una distanza di tempo così ravvicinata possano suscitare allarme e panico, ma torno a ribadire, pur rimarcando l’importanza delle vaccinazioni, che non esiste un’emergenza da malattia invasiva da meningococco, in quanto il totale dei casi finora registrarti dall’inizio del 2017 (32 con quello di oggi) è in linea con quelli segnalati in tutto il 2016 (43)”.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragazza diabetica respinta in discoteca: “Non mi hanno fatta entrare perché avevo delle bustine di zucchero”

next
Articolo Successivo

Stupro Bologna, dopo frasi del parroco su Facebook la madre della ragazzina: “Lo incontrerò e gli dirò la mia idea”

next