Il regista Bernardo Bertolucci all’evento speciale della Festa del Cinema di Roma, per presentare Da’wah (L’invito), un documentario scritto e diretto da Italo Spinelli, tra i pochi europei ad essere entrati in un pondok pesantren (collegio islamico) per raccontare e filmare la vita e le abitudini quotidiane dei giovani studenti e un inedito volto dell’Islam: quello che contrappone la compassione e i gentili consigli alla violenza e alle bombe, una religione che invita alla pacata discussione tra cuori puri e non ad intolleranti e feroci azioni di violenza. Bertolucci si dice ottimista sulla possibilità di un incontro pacifico tra l’Europa e l’Islam: “Penso sia possibile un Islam come quello di cui si parla in questo documentario, per questo l’ho scelto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

David Lynch premiato alla Festa di Roma: “Fellini mi disse che era triste perché i giovani stavano perdendo l’amore per il cinema”

next
Articolo Successivo

The Square, fate spazio al regista svedese Ruben Ostlund già rivelazione per Forza Maggiore

next