Il regista Bernardo Bertolucci all’evento speciale della Festa del Cinema di Roma, per presentare Da’wah (L’invito), un documentario scritto e diretto da Italo Spinelli, tra i pochi europei ad essere entrati in un pondok pesantren (collegio islamico) per raccontare e filmare la vita e le abitudini quotidiane dei giovani studenti e un inedito volto dell’Islam: quello che contrappone la compassione e i gentili consigli alla violenza e alle bombe, una religione che invita alla pacata discussione tra cuori puri e non ad intolleranti e feroci azioni di violenza. Bertolucci si dice ottimista sulla possibilità di un incontro pacifico tra l’Europa e l’Islam: “Penso sia possibile un Islam come quello di cui si parla in questo documentario, per questo l’ho scelto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

David Lynch premiato alla Festa di Roma: “Fellini mi disse che era triste perché i giovani stavano perdendo l’amore per il cinema”

prev
Articolo Successivo

The Square, fate spazio al regista svedese Ruben Ostlund già rivelazione per Forza Maggiore

next