Una bimba di 6 anni è morta giovedì sera all’ospedale di Bergamo per meningite. Nel pomeriggio di giovedì, la bambina è stata portata con l’elisoccorso già intubata in ospedale intorno alle 19: è andata in arresto cardiaco e i medici hanno tentato a lungo di rianimarla, ma è morta dopo circa un’ora e mezza.

La piccola viveva e frequentava la prima elementare a Rozzano, alle porte di Milano, ma si trovava in vacanza in val Seriana. Quando la notizia si è diffusa tra i genitori degli altri alunni della scuola, molti hanno preferito non far entrare i figli nelle aule. “Alcuni non hanno fatto entrare i bambini – ha confermato il sindaco Barbara Agogliati – ma la scuola è aperta”.

Nel corso della mattinata, il personale dell’Ats, l’Agenzia territoriale sanitaria, ha tenuto un incontro con i genitori dei compagni di classe della piccola. “I medici hanno dato informazioni sulla profilassi da fare – ha spiegato Agogliati – Ai compagni di classe della piccola e agli insegnanti sono stati dati gli antibiotici per debellare il batterio”. In allerta, anche i genitori delle bimbe che frequentavano il suo corso di ginnastica artistica.

La scuola è rimasta chiusa solo il 1 novembre, senza nessun ponte, e la meningite “ci hanno detto che ha un’incubazione da 3 a 7 giorni”, ha spiegato il sindaco di Rozzano. “La profilassi serve per il batterio ma – ha proseguito – è importante fare i vaccini”. La bambina era in regola con tutta la documentazione vaccinale, ma “il vaccino per la meningite C è consigliato e quello per la meningite B è a pagamento. E questo – ha concluso – è un deterrente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dai barconi al marciapiede, trafficanti africani adescavano ragazze con riti Ju-ju. Costrette a prostituirsi per ripagare ‘debito’ da 35mila euro

next
Articolo Successivo

Aversa, indagato Mr. James: si spacciava per insegnante di inglese, ma non era laureato. Rischia fino a 6 anni di carcere

next