Vacanze extra lusso di 4 giorni fuori stagione che vi costringono all’inedia per i successivi 18 mesi. Lo so, lo so che è difficile accettare che ci siano persone che possono fare l’intero giro dell’Indonesia, delle Maldive, dei Caraibi e delle Seychelles, con brevi incursioni nelle capitali europee più cool e qualche sciata a Saint Moritz, da novembre ad ottobre con una pausa di 10 giorni a casa perché la famiglia è importante. Però cercare di imitarli, se non potete, si rivelerà un errore fatale. Innanzitutto sappiate che negli alberghi vi riconoscono. Gli hotel extra lusso infatti hanno una capacità innata di individuare subito i fake, ovvero coloro che stanno soggiornando lì senza poterselo permettere: questi soggetti solitamente prenotano per una/due notti, esclusivamente camere senza comfort, senza vista e senza colazione inclusa, portano l’acqua direttamente da casa propria, e sbiancano quando vengono a sapere della tassa di soggiorno. A volte chiedono di pagare a rate, richiesta che non viene mai accolta. Poi, i luoghi che ospitano visitatori top class solitamente offrono solo servizi top class: ristoranti carissimi, discoteche dove si entra solo su invito, spiagge con accesso privato da oltre 600 euro al giorno. In ultimo le persone che vi circondano indossano accessori che, da soli, potrebbero estinguere interamente il vostro mutuo. Il risultato di tutto questo sarà che alla fine avrete buttato gli vostri unici giorni di riposo in 72 ore totali di disagio, inadeguatezza, stress e digiuno. Molto meglio accettare la realtà e fare qualcosa alla vostra portata. Tipo una settimana al mare a Fiumicino, se non vi da fastidio il rumore degli aerei.

INDIETRO

Le cinque cose inutili in cui stai buttando i tuoi soldi

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Victoria’s Secret, la super modella Lais Ribeiro indossa il reggiseno gioiello da due milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Nina Moric: “Da due anni non ho la custodia di Carlos. Per una madre il figlio è ossigeno e senza ossigeno è dura”

next