I soldi, si sa, non sono mai abbastanza. Quello che non sapete è che non sono mai abbastanza per nessuno, nemmeno per chi ne ha un sacco da sempre, come Gianluca Vacchi. Quindi figuriamoci se bastano a chi, facendo i conti a fine mese, si staglia in mezzo a quella che crede essere la “normalità benestante” , e che, per me, è semplicemente povertà. Uno dei problemi principali dei poveri è che, non solo non hanno soldi, ma non hanno nemmeno idea di come spendere i pochi risparmi che mettono faticosamente da parte. Ma, visto che la magnanimità è la miglior pubblicità per ogni personalità illustre che si rispetti, ho deciso di illuminarvi su quali sono le cinque cose inutili in cui dovete smettere, immediatamente, di buttare i vostri soldi.

Trattamenti Estetici. Questo suggerimento vi sembrerà strano ma è così. Un trattamento estetico che si rispetti costa mediamente tra i 300 ed i 1500 euro, va fatto con costanza e sommato ad altri trattamenti, altrimenti è del tutto inutile. Per questo, a meno che voi non vantiate il patrimonio delle Ferragnis o, se volete puntare ancora più in alto, delle Kardashians, è inutile che vi affatichiate a mettere da parte quel millino che vi basterà giusto per un paio di filler ed una radiofrequenza, se non potete ripetere il trattamento a vita, ogni mese, associandolo almeno ad una maschera all’oro 24 carati ogni 10 giorni. Molto meglio spendere 20 centesimi per l’acquisto di un’app avanzata di fotoritocco e vedere così realizzato, almeno su Instagram, il vostro sogno di sentirvi belle. Tanto, dal vivo, non vi vede nessuno, accettatelo.

Le cinque cose inutili in cui stai buttando i tuoi soldi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Victoria’s Secret, la super modella Lais Ribeiro indossa il reggiseno gioiello da due milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Nina Moric: “Da due anni non ho la custodia di Carlos. Per una madre il figlio è ossigeno e senza ossigeno è dura”

next